tu vuoi fa’ l’americano?

Ho preso parte come aiutante ad una lezione di Brunch, presso la scuola ARTE DEL CUCINARE di Bergamo. Bravissima la maestra AICI (associazione insegnanti di cucina Italiana) Giovanna Quaranta, e rilassante l’argomento: dopo due giorni di impasti, lunghe lievitazioni e fritti per il Carnevale, ci voleva una pausa di ricette veloci e domestiche.  Bravissima la maestra, dicevo, perché non si è limitata all’esecuzione delle ricette, ma ha intriso questa lezione di doveroso significato. Lei, che è pugliese, pareva  perfettamente a suo agio mentre si muoveva elegante tra uova alla Benedict e English muffins, come se fosse alle prese con fragranti focacce salentine,  pani delle murge o cavatelli.  Se vuoi fare il Brunch devi fare un po’ l’Americano, così come ha fatto lei, che da italiana in America per ragioni di lavoro e di affetto, si è inserita perfettamente nel contesto.  Quale approccio migliore alla cultura di un popolo  se non  quello che puoi avere attraverso il cibo?
Il Brunch è la forma sincopata tra breakfast e il lunch, cioè si situa a metà tra un pranzo e una colazione, ed è tipico della Domenica.  Viene servito tra le dieci e mezzogiorno nel momento in cui la colazione it’s over, ma non hai nemmeno voglia di pranzare, ed è composto da tutti gli elementi tipici della colazione con l’aggiunta di uova, carne, pesce, frutta, verdura, torte dolci e salate.  Le ricette del Brunch sono molte, ne ho contate almeno otto; io mi limterò a pubblicare quella che è diventata uno dei miei must per la colazione della Domenica: gli English muffins.  Sono una sorta di piccolo pane, da non confondere con i muffins nello stampo, da servire farcito di dolce o di salato, caldo o tiepido; davvero interessante nella sua semplicità di “pane all’ultimo momento”.  Trovo il Brunch ideale  quando gli amici dei nostri figli rimangono a dormire dopo la “disco”.  Delizioso osservarli: pigiami che sciabattano, occhi stropicciati, facce stupite, mentre si trovano davanti tutto il ben di Dio.  Dicono: “no, non mangio niente…”, questo è l’esordio; poi iniziano, piano piano, con fare circospetto e di lì a poco, tra “buona”musica, chiacchere e risate cristalline, non rimane più nulla.  Bella la gioventù!

English muffins

english muffins

260 g di farina 00

15 g di burro

5 g di lievito di birra disidratato

250 g di acqua

5 g di zucchero

5 g di sale

Farina di mais, poco olio di oliva

Sciogliamo il lievito nell’acqua e lo lasciamo riposare per 5-10 minuti.  Aggiungiamo la farina il burro sciolto a bagnomaria e lo zucchero.  Mescoliamo prima con una forchetta e poi con una spatole aggiungendo via via il sale.  Continuiamo fino ad ottenere un composto omogeneo liscio e piuttosto morbido.  Trasferiamo l’impasto in una ciotola appena unta di burro.  Copriamo poi con la pellicola trasparente e lasciamo lievitare fino al raddoppio del volume.  Dividiamo l’impasto in 12 porzioni di uguale peso.  Formiamo delle palline le schiacciamo e le passiamo nella farina di mais.  Facciamo lievitare ancora per 30 minuti.  Riscaldiamo una padella appena unta di olio e cuociamo i muffins per 5 minuti per lato.  Dividerli a meta e farcirli a piacere con ingredienti dolci o salati.  La ricetta tradizionale prevede che vengano farciti con uova in camicia e bacon, ma sono buonissimi anche con ingredienti dolci.  Io li servo con panna semi-montata, frutta fresca e granella di nocciole. Per averli sempre disponibili possiamo farli e poi congelarli, sono sempre una gradita sorpresa.

Per gentile concessione della ditta FRABOSK, ho usato per cuocere gli English muffin una padella antiaderente che ha prestampate delle forme tonde. Molto comoda non solo per questo tipo di foccaccia, ma anche per i pan cakes, per le piccole frittate, per le uova all’occhio, i rostì di patate e molto altro.

padella

Buon fine settimana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...