E se son biete? Sposalo!

Prosegue la fervente compilazione del mio “Dizionario delle verdure”. In questo tempo in cui  si “fa” molta cucina, in cui chi non sa cucinare è un po’ tagliato fuori, io interpreto ciò che forse potrebbe sostituire il classico omaggio floreale.

B come  bieta quindi, ma anche come barbabietola-dolcezza, broccolo-ricambio cortesie.  Se guardo una bieta rimando visivamente ad una grande mano. La sua foglia è verde, molte vitamine, lucida, molti sali minerali, il gambo forte, buon sostegno, oltre alla sua totale fruibilità e bontà.    Sarà mia colpa se una solerte padrona di casa vedrà recapitarsi una cassetta di broccoli: ospite perfetta apprezza la cassetta, che la tua cortesia è pienamente ricambiata.  E spero mi perdoni la giovane e possessiva fidanzata se lo vedrà arrivare raggiante con un fresco fresco bouquet di biete:  dubbiosa innamorata stai pure serena, perché il tuo Lui è completamente degno del tuo amore, tutto buono e per sempre. Sposalo!

Malfatti con la bieta

malfatti

Per  circa 30 malfatti

500 g di biete

100 g di grana padano grattugiato

200 g di pane grattugiato

30 g di burro

1 cucchiaio da tè di cipolla tagliata molto sottile

Aglio e prezzemolo

½ uovo

Farina bianca

Sale e pepe

Stacchiamo le foglie dalla costa , le laviamo sotto l’acqua corrente e le lessiamo in acqua bollente leggermente salata per 5 minuti. Le scoliamo e le teniamo da parte, assieme a un bicchiere di acqua di cottura. Mescoliamo il grana al pane, uniamo un pizzico di sale, il pepe, l’aglio(poco e tagliato sottilissimo) e il prezzemolo. Strizziamo le biete lessate e le tagliamo sottilmente, poi le uniamo al pane e al grana con mezzo uovo leggermente battuto. Facciamo soffriggere il burro e la cipolla versiamo il composto unendo qualche cucchiaio di acqua di cottura delle biete. Lo ripassiamo bene per insaporirlo e togliamo dal fuoco. Formiamo con le mani leggermente infarinate dei gnocchi ovalizzandoli e li deponiamo su un piatto. Scaldiamo l’acqua, la saliamo e non appena bolle tuffiamo i malfatti. Quando salgono a galla sono cotti. Li mettiamo nei piatti e li serviamo cospargendoli di grana e burro fuso e salvia ben caldi.

Coste fritte

coste fritte

La  costa della bieta non si butta mai, si può lessare al naturale tagliata sottile e unita all’insalata, prelessarla per farne sformati caldi o addirittura parmigiane, alternando le coste dopo averle ben asciugate a strati di salsa di pomodoro, mozzarella e abbondante formaggio grattugiato, davvero squisite. E queste sono solo alcune idee. La ricetta che vi riporto è  gustosa e molto gradita dai piccoli di casa. Se i fritti sono ben asciugati, risultano essere leggeri. I fritti sono molto invitanti, se ben eseguiti risultano leggeri e appetitosi.

Per 4 persone

Puliamo le coste avanzate, le sciacquiamo e le lessiamo anche nella stessa acqua di cottura delle foglie per 10 minuti. Le scoliamo e le asciughiamo molto bene. Prepariamo la panatura: sbattiamo leggermente due uova con un po’ di pepe, in un piatto mettiamo il pane grattugiato. Mettiamo le coste ben asciutte nell’uovo e poi nel pane pressandole bene con la mano. Friggiamo in olio di semi di arachide ben caldo fino a completa doratura. Serviamo dopo averle leggermente salate accompagnate con insalata fresca.

Aspetto sempre consigli per la compilazione del dizionario. Grazie di leggermi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...