Fatto di un’altra pasta

Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa che cosa lascia, ma non sa cosa trova. Devo appuntare che colui che non tenta mai, nemmeno, una piccola deviazione sul percorso, non troverà nulla e non saprà cosa si perde. E’ così che faccio impazzire il mio navigatore: mi diverto alle sue piccolissime spalle, ben sicura che un giorno troverà il finestrino aperto e concluderà con un gesto insano la sua vita tra le mie perversioni.
Se si parla di strade il rischio massimo è quello di perdersi o di perdere tragicamente il navigatore. Se si parla di pasta il rischio è quello – niente di grave – che non piaccia e la lasciamo. Ma, proprio adesso, che gli appositi scaffali sono multi-colorati, multi-forniti, per tutti i gusti e, finalmente, per tutte le necessità, approfittiamone, che per un piatto fatto di un’altra pasta val bene correre un piccolo rischio. Nell’ipotesi peggiore la deviazione sul percorso tradizionale ci scoprirà perplessi e ancora affamati; normalmente riuscirà ad incuriosirci; nella migliore ci entusiasmerà.

Pasta di mais gratinata con pomodoro olive e capperi

Pasta di mais

Il colore di questa pasta è davvero invitante, il sapore è delicato, la consistenza è leggermente insolita. E’ una pasta totalmente priva di grassi Esiste anche in versione combinata a riso e grano saraceno. In tutti i casi è priva di glutine quindi adatta ai celiaci. Ottima sia con i sughi di verdure delicati, che con i sughi più elaborati.

Per 4 persone

320 g di spaghetti di mais, o altro formato, 600 g di pomodori pelati, 120 g di burrata, 80 g di olive greche denocciolate, 2 cucchiai di capperi sotto sale, pane grattugiato(  i celiaci useranno un prodotto consentito), una presa di zucchero, 2 spicchi di aglio, alcune foglie di basilico, origano, olio di oliva, peperoncino, sale

Sbucciamo l’aglio, priviamolo del germoglio e tagliamolo a metà. Laviamo il basilico e lo asciughiamo delicatamente. Mettiamo i pelati in una casseruola e aggiungiamo un pizzico di sale, lo zucchero, gli aromi. Copriamo la casseruola e cuociamo a fiamma bassissima per 30 minuti, senza mescolare. Schiacciamo i pomodori pelati con una forchetta, mescoliamo bene e proseguiamo la cottura per altri 15 minuti. Completiamo infine la salsa con 2 dita di olio di oliva e le foglie di basilico. Lessiamo la pasta in abbondante acqua salata e nel frattempo dissaliamo i capperi e li tritiamo grossolanamente assieme alle olive. Scoliamo la pasta 2 minuti prima del termine della cottura e la condiamo subito con il sugo e il trito di olive e capperi, aggiungendo mezzo bicchiere di acqua di cottura. Ungiamo di olio una pirofila e cospargiamo con pane grattugiato. Adagiamo la pasta formando dei nidi, mettiamo al centro di ogni nido un pezzetto di burrata e cospargiamo la preparazione con olio di oliva e un velo di pane grattugiato; mettiamo la pirofila in forno a 220° per 10 minuti.

Pasta di farro con seppie piselli e salsiccia

pasta di farro

E’ un tipo di pasta molto proteica, ricca di fibra  e di vitamine del gruppo B. E’ molto saporita, al punto che richiede meno sale; è povera di grassi, e tiene molto bene la cottura. Ben si addice ai sughi con i sapori della tradizione.

per 4 persone

320 g di spaghetti di farro, 300 g di piselli surgelati o freschi, 100 g di salsiccia sgranata, 200 g di seppie pulite, 5 cucchiai di olio,1 spicchio di aglio,1 peperoncino,1/2 bicchiere di vino +2 cucchiai, sale, pepe

In un padella rosoliamo senza aggiungere alcun grasso la salsiccia,  sfumiamo con 2 cucchiai di vino bianco e portiamo a cottura per 5 minuti. In un altra padella mettiamo l’olio l’ aglio sbucciato e schiacciato con il palmo della mano e il peperoncino. Sciacquiamo le seppie sotto un getto di acqua fredda le tagliamo a piacere e le uniamo al soffritto di olio aglio e peperoncino, non appena sono ben dorate le sfumiamo con il bicchiere di vino, lasciamo evaporare, mescoliamo e portiamo a cottura per cinque minuti. Aggiungiamo i piselli, precedentemente sbollentati per 2 minuti in acqua leggermente salata, mescoliamo regoliamo  di sale e pepe e proseguiamo la cottura per 5 minuti, aggiungendo acqua se il sugo dovesse restringersi. Lessiamo la pasta, la scoliamo molto al dente e la spadelliamo nelle seppie e piselli; aggiungiamo acqua di cottura fino ad amalgamare tutti gli ingredienti. Serviamo ben caldo.

Pasta di riso  con gamberi e verdure

noodle

La pasta di riso è molto leggera, priva di grassi ma molto ricca di carboidrati. Ha un gusto delicato e una consistenza piacevole al salato. Ottima con le verdure e il pesce. Anche questa pasta essendo totalmente priva di glutine è adatta agli intolleranti. L’unico difetto potrebbe essere una scarsa tenuta della cottura, che può essere ovviato raffreddando rapidamente la pasta con acqua fredda dopo la scolatura. In alternativa possiamo usare per questo piatto gli noodles, spaghetti di grano olio vegetale e zucchero(in piccola parte).

per 4 persone

320 g di pasta di riso o di noodles, 1 carota grande 1 zucchina, 100 g di piselli freschi o surgelati, 200 g di gamberi o mazzancolle, 2 cucchiai di salsa di soia, 2 uova 2 cucchiai di latte, sale e pepe.

Prepariamo una piccola frittata: sbattiamo leggermente le uova con il latte e le versiamo in una padella leggermente unta di olio. Cuociamo e teniamo da parte. Puliamo la carot a e la zucchina, che priveremo della parte bianca centrale. Tagliamo le verdure a strisce lunghe e sottili. Sbollentiamo i piselli in acqua leggermente salata per due minuti. Nel wok  versiamo l’olio e rosoliamo le verdure, iniziando dalla carota, inserendo poi la zucchina e alla fine i piselli. Cuociamo le verdure per 5 minuti, aggiungendo un po’ d’acqua se fosse necessario, regoliamo di sale e pepe e lasciamo da parte. Prelessiamo i gamberi in acqua leggermente acidulata con aceto di riso o limone, li scoliamo e li aggiungiamo alle verdure. Tagliamo la frittata a cubetti. Lessiamo la pasta in abbondante acqua salata, la scoliamo, teniamo da parte un po’ di acqua di cottura e la raffreddiamo sotto acqua corrente. La versiamo nel wok, aggiungiamo la frittata, un goccio si aceto, la salsa di soia e spadelliamo fino ad amalgamare gli ingredienti. Serviamo ben caldo.

L’alta pressione staziona sul bacino del Mediterraneo: tutti la ringraziamo e le auguriamo una buona e lunga permanenza. Che sia un soleggiato fine settimana!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...