Ma sì…facciamoli sposare

Se avete dei dubbi su questo matrimonio, io vi garantisco che potete dormire sonni tranquilli: riuscirà.
Mettendo tutto il buono dell’uno e dell’altra, che in fondo sono fatti della stessa pasta, non avremo grosse sorprese, salvo imprevisti.
Così nell’ ipotesi, in qualsiasi caso sbagliata, di fare poco di uno e poco dell’altra meglio che scegliamo di sposarli. Fusilli e penne lisce; farfalle e cellentani ; viti e tortiglioni; ci siamo capiti. Quelli che rimangono lì, mezzi e mezzi, dimenticati in fondo al contenitore, senza completamento: ma sì… facciamoli sposare.
Il matrimonio della pasta è fuori moda, ma va sempre a gonfie vele. Di foggia tradizionale o in stile innovativo che sia, costituisce uno stratagemma indovinato per poter dare un taglio al passato e guardare avanti, a nuovi formati. Poi, si sa, è una ruota.
Sarebbe ideale usare formati che abbiano lo stesso tempo di cottura, ché chi si somiglia si piglia. Ma non è sempre detto.
E se i formati sono più di due? Bene lo stesso.
Niente illazioni, per cortesia. È comunque un matrimonio.

Pasta sposata con scamorza e prosciutto

pasta risottata

E’ la versione asciutta della più famosa minestra di pasta maritata. L’abitudine di raccogliere i rimasugli nelle scatole della pasta e farne la minestra, ha dato origine a dei veri e propri formati di pasta da minestra mista.

Per 4 persone

Occorrenti: pentola, casseruola, tagliere, grattugia
Ingredienti: 300 g di pasta mista, 4 cucchiai di olio di oliva, 2 patate medie, 1 cipolla, 1 carota, 1 gambo di sedano, 1 spicchio di aglio, 80 g di scamorza affumicata, 100 g di prosciutto cotto, lt 1, 5 di brodo vegetale, 3 cucchiai di parmigiano grattugiato, 30 g di burro, sale e pepe
Tempo di preparazione: 25 minuti (la cottura può variare rispetto al formato di pasta adoperato)
Grado di difficoltà: medio

Sbucciamo le patate e le tagliamo a piccoli pezzi. Sciacquiamo le altre verdure, le mondiamo e le tagliamo  a tocchetti come per il soffritto. Spelliamo e tritiamo anche lo spicchio di aglio. Tagliamo il prosciutto cotto a striscioline.
Nella casseruola scaldiamo l’olio con l’aglio, aggiungiamo il prosciutto cotto e lo facciamo rosolare brevemente. Aggiungiamo anche le altre verdure e mescoliamo per insaporire.
Versiamo la pasta mescoliamo e iniziamo ad unire il brodo un po’ per volta. Portiamo a cottura come faremmo per un risotto.
Per concludere regoliamo di sale e  togliamo dal fuoco. Uniamo la scamorza, il burro, il grana e mantechiamo; avendo cura di versare  ancora un po’ del brodo per favorire una cremosità maggiore. Serviamo ben caldo dando una spolveratina di pepe.

Variante: se la volete più grintosa potete usare al posto del prosciutto cotto della pancetta affumicata.

Torta alle pere e cannella dal matrimonio

torta di pasta lessa

Per 6 persone

Occorrenti: pentola, frullatore, ciotola, frullino elettrico o robot da cucina, tortiera diam. 22 cm
Ingredienti: 60 g di pasta mista lessata e frullata, da cui otterrete circa 180 g di frullato di pasta, 3 pere , 2 cucchiai di succo di limone, 1 cucchiaino di cannella in polvere, 80 g di burro, 130 g di zucchero + 1 cucchiaio,  2 tuorli, 2 albumi, 80 g di fecola
Grado di difficoltà: facile
Tempo di preparazione: 15 minuti più cottura

Lessiamo la pasta in acqua non salata e la frulliamo aggiungendo acqua di cottura fino ad ottenere un amalgama morbido, che terremo da parte.
Sbucciamo le pere e le tagliamo a pezzetti, le mettiamo in una ciotola e le condiamo con il succo del limone.
Montiamo il burro con lo zucchero fino a renderlo spumoso poi uniamo i tuorli ben freddi. Sempre montando, aggiungiamo anche la purea di pasta e la fecola setacciata.  Montiamo gli albumi e li uniamo con una spatola al composto. Infine versiamo le pere e mescoliamo con cura.
Imburriamo e infariniamo la teglia, versiamo l’impasto e inforniamo a 170°C, in modalità statica, per 35 minuti.

Non mi rimane che dire: Evviva gli sposi! e augurarvi una splendida giornata.

Annunci

2 thoughts on “Ma sì…facciamoli sposare

  1. Ciao Rosita ! Ho riletto tre quattro anche cinque volte la tua ricetta della torta alle pere fatta con la pasta e credo che posso essere quasi sicura che nn ci sia scritta la quantità di burro da usare e che invece la cannella che c’è nella lista ingredienti, non c’è poi nella descrizione. .. delucidami tu oppure dimmi sinceramente di comprare degli occhiali da vista anche per la lettura oltre che per lontano 🙂

    • Ciao e scusami. Gli occhiali io li ho. Forse non sono sufficienti. Cerca di capire se a volte mi sfugge qualcosa, non avendo chi mi corregge i testi. Considera allora 80 g di burro e inserisci la cannella alle mele tagliate. Fammi sapere. Grazie ancora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...