Se rimane la colomba pasquale

Vediamo cosa si può fare se rimane la colomba pasquale, non senza aver prima riflettuto a fine cautelativo sui motivi intrinsechi della rimanenza. Può darsi che contenesse troppi canditi; o forse c’erano poche mandorle e qualcuno ha pensato di mangiarsi anche “quelle poche” in beata solitudine; e ancora: troppe erano le mandorle e pochi erano i canditi. In ultima analisi ci è stato detto che  potevamo “fare” meglio.
Quanto è dura la vita di chi deve scegliere la colomba pasquale!
Comunque sia andata la prima possibilità è quella di finirla a colazione, giusto appena appena tostata in forno. Se questo piace, è già un’ ottima soluzione ed anche un bel vantaggio, giacché  giacciono cariole di colombe invendute a prezzi molto interessanti. Ma se poi notiamo che la nostra colomba quasi quasi s’invola a forza di andare e venire dalla credenza, a questo punto è meglio pensare a qualcosa di diverso.
Io vi propongo questa piccola charlotte alle mele caramellate, talmente carina, che potrebbe farci perdonare l’incauto acquisto.
È dura la vita per chi deve comprare la colomba pasquale!

Charlottine di mele caramellate al rum

charlottina di mele

Per 4 charlottine

Ingredienti: 3 mele Golden o renetta, 75 g di zucchero semolato (sono 3 cucchiai), 250 g di colomba pasquale, 3 cucchiai di rum scuro, 40 g di burro fuso, 2 cucchiai di confettura di albicocche, poco succo di limone
Occorrenti: ciotola, coltello tagliere, padella, stampini monoporzione (ottimi quelli in alluminio usa-getta) o stampo unico (rotondo diametro cm 20), pennello
Tempo di preparazione: 30 minuti + cottura
Grado di difficoltà: medio

Sbucciate le mele, tagliatele a spicchi sottili, metteteli nella ciotola e irrorateli con poco succo di limone  . Scaldate la padella sul fuoco e versate un cucchiaio di zucchero. Lasciate caramellare e versate un altro cucchiaio di zucchero;  fate caramellare e unite infine anche l’ultimo cucchiaio. Trasferite le mele nella padella e saltatele o mescolatele per almeno un minuto. Versate il rum e fiammeggiatelo ponendo la padella di lato. Lasciate spegnere, unite la marmellata e proseguite la cottura fino a che le mele non si saranno ammorbidite.
Accendete il forno a 170°C e iniziate a comporre le charlotte. Tagliate la colomba a fette alte mezzo centimetro e pennellatele leggermente con il burro fuso. Formate il fondo e le pareti degli stampini (ho tagliato dei piccoli cerchi per il fondo e dei triangoli per rivestire le pareti). Inserite le fette di colomba nello stampino e colmatelo con le fettine di mela. Chiudete con ciò che avanza.

charlottina 1

Mettere gli stampini in forno direttamente sulla griglia (posizionatela a metà)e cuocete per 30 minuti. Se avete usato lo stampo unico, proseguite la cottura per  altri 10 minuti. Nel caso in cui la superficie delle charlottine dovesse scurirsi troppo copritela con pellicola di alluminio.
Si sformano con delicatezza e si servono ancora tiepide, accompagnate con confettura di albicocca, crema inglese o gelato alla vaniglia.

Felice giornata!

 

charlotte di mele 2

Annunci

2 thoughts on “Se rimane la colomba pasquale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...