L’uovo è di colombo?

 

Questo in particolare non lo è. Ma sono certa che da quando son passati tutti questi mondi, da quando l’uomo ha imparato a nutrirsi di uova, anche le uova di colombo avrà assaggiato!
Son buone le uova di gallina, ma pure ed eccome le uova di quaglia, così come quelle di struzzo che son tanto gustose e tante – con un uovo di struzzo puoi strafarti di frittatine.
E quelle di colombo? Si può provare.
Tuttavia per questa ricettina veloce, forse senza lode, ma sicuramente senza infamia, ottima per una serata tra amici in terrazza, ho usato uova di gallina.
Se poi trovate uova di quaglia, di struzzo o di colombo – che  saranno di colomba, perché a ben pensarci il colombo è come il gallo e il gallo non fa le uova, ma rincorre le galline e le fa innamorare – regolatevi secondo la quantità. Buona preparazione!

Ruote di frittata al prezzemolo farcite di formaggio e prosciutto

frittata a ruota 

Per 3 persone

Ingredienti: 4 uova intere, un pizzico di sale, un pizzico di pepe, 1 cucchiaio di latte o panna o acqua, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato poco olio di oliva
Ingredienti per la farcitura:  200 formaggio spalmabile o stracchino o ricotta (io ho usato del philadelphia light), prosciutto crudo o cotto, prosciutto di Praga
Occorrenti: ciotola, forchetta, carta da forno, padella antiaderente, paletta antigraffio
Tempo di preparazione 15 minuti
Grado di difficoltà: facile

Rompete le uova nella ciotola, aggiungete gli ingredienti tranne l’olio e sbattete con la forchetta, solo per amalgamare. Scaldate la padella leggermente unta di olio, versare 1/3 del composto per la frittata e ruotare la padella. Cuocete fino a che non si staccherà ai lati e girate. Dorate anche dall’altro lato e togliete appoggiando la frittata su un foglio di carta forno.
Una volta fatte le frittatine farcite a piacere

frittata con farcitura

e arrotolate aiutandovi con il foglio di carta da forno su cui avete prima appoggiato le frittate. Mettete in frigorifero fino al momento dell’utilizzo.
Prima di servire tagliare i rotoli a fette alte circa 1,5 cm e accompagnare con verdure grigliate a piacere.

frittata spiedino

E sarebbe bello se fosse un ‘Estate un po’ più “Estatica”, che molti, questa, la chiamano Estate, ma la trovano non a torto molto simile ad un contrito Autunno. Speriamo nel buon tempo.

Felice giornata a tutti!

 

 

Annunci

Artemisia e le frittate

Artemisia ha dedicato un quaderno interamente alle frittate. Piccole magie con le uova quindi in questo nuovo ricettario. E’ vero che una frittata è una frittata e che rimane una delle preparazioni più vicine ai principi della cucina veloce: pochi ingredienti, sempre disponibili e breve tempo di esecuzione, ma per farla bene ci sono delle regole, tutte ben spiegate nell’introduzione. Frittate salate e tortini; frittate dolci, clafoutis, crepes e pancakes per celebrare il trinomio perfetto uova-latte-zucchero; preparazioni conosciute e insolite con molte varianti di esecuzione per ognuna. E ogni volta che le uova stimoleranno la nostra fantasia in cucina, potremo scrivere la nostra idea nelle pratiche pagine-ricettario. Artemisia ha proprio pensato a tutto.  Buona esecuzione!

Frittata di patate

crepe georgette

Per 4 persone

6 uova, 400 g di patate, soffritto di cipolla, olio extravergine di oliva, sale e pepe.

Laviamo le patate, le peliamo e le tagliamo a fette molto sottili.  Mettiamole in una padella con un filo di olio, copriamo con il coperchio e lasciamo cuocere mescolando di tanto in tanto perché le fette non si attacchino ma si possa formare una crosticina.  Togliamo dal fuoco, regoliamo di sale e facciamo intiepidire. In una ciotola  sbattiamo le uova con un pizzico di sale e amalgamiamo il soffritto e le patate.  In una padella scaldiamo un filo di olio, versiamo il composto di uova e patate e cuociamo la frittata da un lato.  Mettiamo la padella in forno a 200° e completiamo la cottura per pochi minuti fino a quando la superficie sarà marroncina.

Crepes georgette

crepe georgette 2

Per 4 persone

4 uova, 250 g di farina, g 200 di polpa di ananas, zucchero, zucchero a velo, cannella, maraschino, 4 dl di latte, burro, sale.

Tagliamo la polpa di ananas a strisce sottili oppure la frulliamo.  Trasferiamo in una ciotola a macerare per qualche ora con una spruzzata di maraschino e 1 spolverata di zucchero. Setacciamo la farina, uniamo una presa di sale, 1 presa di cannella, 50 g di zucchero e mescoliamo. Versiamo le uova leggermente battute e mescoliamo con una frusta fino ad avere una pastella omogenea. Versiamo il latte a filo e 1 cucchiaio di maraschino, continuando a mescolare.  Scaldiamo 60 g di burro a bagnomaria e aggiungiamolo alla pastella.  Copriamo e lasciamo riposare un’ora a temperatura ambiente.  Facciamo sciogliere una piccola quantità di burro in una padella antiaderente di cm 18 circa e versiamo un mestolo di pastella ruotando la padella in modo da ricoprirne tutto il fondo.  Lasciamo che si rapprenda e disponiamo sopra qualche striscia di polpa di ananas. Ricopriamo con un leggero strato di pastella e cuociamo la crepe a fuoco medio lato.

crepe in cottura

Appena la parte inferiore si sarà solidificata, la stacchiamo dal fondo la rigiriamo e la cuociamo ancora per un minuto. Proseguiamo fino ad esaurire la pastella.  Serviamo le crepes tiepide, senza piegarle, spolverizzate di abbondante zucchero a velo e, volendo, su un fondo di crema inglese.

Buona giornata!

La padella con le sagome rotonde fa parte della vasta gamma di articoli di FRABOSK ed è acquistabile in internet.

Risordo il concorso letterario abbinato ai quaderni di ARTEMISIA ABBONDANZA. Per tutte le informazioni potete accedere al sito www.vallardi.it.