Nai e il suo “Cucino da vicino”

“Se io fossi una nota vorrei essere il La; se  fossi un numero vorrei essere il sette; se fossi una torta vorrei essere la Sacher; se io fossi una foodblogger  vorrei essere come lei.”

Ho saputo del suo “Cucino da vicino” durante una di quelle che io chiamo ricognizioni tra i blog di cucina, ed è subito  insorta in me una buona invidia, la stessa che prova un pelato per chi è dotato di una folta chioma, per le sue macro- fotografie, che io-oramai è risaputo-non so fotografare. L’ho trovata su Twitter,  strano veloce informativo e interessante social network e l’ho subito riconosciuta: il primo tweet per lei su un polletto arrosto, il nostro primo contatto per via di un bonsai, Arturo, il suo bonsai,-il mio ha pensato di passare a vita migliore, pur di non stare tra i mie non verdi pollici-. Lei si chiama Nai e il suo blog è fresco e verde come la Primavera, bello e gentile quanto lei, che cucina e fotografa da vicino. Da vicino perché lei dice-sono un po’(tanto) miope. Cara Naima, se mi posso permettere, chi vede male spesso guarda meglio e tu scandagli, vai a fondo o miri lontano e cogli gli aspetti  più importanti e fondamentali del cucinare: attenzione per gli ingredienti, sempre freschi e di ottima qualità, giusto mix di tradizione e innovazione, semplicità ed efficacia.  Fare cucina per te è un modo di vivere, è cucinare con amore ogni giorno, nonostante le otto ore in ufficio e la stanchezza che ti sovrasta, da cui il tuo leitmotiv: “lavoro tutto il dì, ma i piatti pronti non mi avranno mai”.  Ma c’è un aspetto particolare  che ci  accomuna: entrambe non sappiamo niente di vino e non sappiamo come abbinarlo ai cibi. E allora? Allora evviva! Perché da questa carenza, che i “soloni” della cucina  considerano un’ incolmabile lacuna, tu ne ha tratto una virtù, un pregio, una peculiarità. Non c’è il vino giusto, ma ci sarà  la musica con il suo alto potere aggregante e che musica. Cosa c’è di meglio infatti del gustare ottimi piatti con un sottofondo musicale e non solo come aureola di una cenetta romantica? Ottimo Naima, sai abbinare al meglio due tra i più grandi catalizzatori, il cibo e la musica. Questa  è vera creatività! Grazie da Mamma, che buono! e dai suoi lettori, che nel tuo blog potranno trovare molto altro al di là delle ricette: recensioni, opinioni , luoghi, pensieri e brani musicali, sempre adatti alle ricette. Questa è sensibilità.

Ora vi lascio al piacere di scoprire “Cucino da Vicino” e  alla  ricetta, che pubblico nella sua versione originale, senza una pur minima correzione- in me ancora e sempre un’invidia buona per la sua precisione e per la sua  bellissima fotografia-. Per un effetto globale e pertinente raccomando l’ascolto del brano consigliato e il suo piatto sarà ancora più gradevole. Buona esecuzione e buona musica.

Tonnarelli agli asparagi selvatici, da noi meglio noti come Loertih              

Ciao Rosita!!!

ecco ricetta, musica e fotografia (quest’ultima ha un watermark non troppo invasivo ma c’è sempre perchè lo uso per tutte le mie foto, spero non sia un problema)*
SONY DSC
  • tonnarelli all’uovo (250 gr)
  • due manciate di asparagi selvatici
  • olio evo
  • sale
  • parmigiano grattugiato (a piacere)
Prima di tutto dovete sciacquare e capare gli asparagi, questo perchè non tutto l’asparago selvatico è mangiabile bensì solo la parte superiore, quella tenera e croccante, mentre la parte legnosa (verso la fine del gambo) dev’essere scartata.
Tagliateli a pezzetti di circa due centimetri e metteteli a soffriggere con un cucchiaio di olio evo, uno spicchio di aglio – che toglierete appena inizia a scurire – e un poco d’acqua (quest’ultima serve per aiutare la cottura degli asparagi). Salate e lasciate cuocere.
Per capire se sono cotti basterà provare a schiacciarli con una forchetta, quando risulteranno morbidi alla pressione potrete spegnere il fuoco.
Intanto cuocete al dente dei tonnarelli all’uovo (o spaghetti o linguine, ma preferite comunque una pasta lunga) scolatela e unitela al condimento, fate saltare per un minuto circa e impiattate.
A piacere aggiungete una spolverata di parmigiano grattugiato.
Beggin – Madcon (ecco i link youtube http://www.youtube.com/watch?v=8YVrnLa8V8M)
per qualsiasi cosa io sono qui!
ciao!!!
Piccola curiosità: Naima è un nome arabo che significa vita dolce e piacevole.Se è vero che come dicevano i latini in nomina sunt omina, nel nome c’è un presagio, io ti auguro che la tua vita lo sia, sempre, così come è per noi curiosare nel tuo blog. Un grazie infinito e a la prochaine.
Notiziona! Io e Nai Sabato 18 prenderemo il caffè insieme e ci conosceremo dal vivo e vero.
* ma potrebbe esserci qualche problema in una foto cosi? 
Felice giornata a tutti.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...